fb track
Cerca
close
Photo ©Shutterstock / Roberto Nencini
Parco di Rimigliano
schedule
Durata 6 giorni
6 giorni nei parchi della Val di Cornia

C’è un angolo di Toscana, a cavallo delle province di Livorno e Grosseto, dove sei aree protette condividono un territorio ricco di storia e natura. In questo piccolo fazzoletto di terra, le dune sabbiose che scrutano il Mar Tirreno si trasformano in un ambiente ombroso e silvestre, digradando verso l’interno in un mare di colline boscose. È l’area della Val di Cornia, un comprensorio composto da due parchi costieri, un parco archeologico, un parco archeo minerario, un parco forestale, un’area naturale protetta e tre musei che parlano la lingua della storia locale.

Dalla costa all’entroterra, i parchi della Val di Cornia si sviluppano nella natura diventando un vero parco giochi per gli amanti dell’outdoor, che qui possono trovare in una manciata di chilometri ambienti naturali unici e diversissimi tra loro.

L’area costiera di Rimigliano, il primo dei sei parchi partendo da nord, è una lunga striscia di verde affacciata sul mare, costituita da lecci e pini tra cui cantano migliaia di cicale nel periodo estivo.

Il parco della Sterpaia, sempre affacciato sul Tirreno, è invece un prezioso esempio di foresta umida, tipica dell’antico paesaggio litoraneo della Maremma. Salvata dopo anni di lotte dalle brutture dell’abusivismo edilizio, si estende su una superficie di circa 300 ettari tra aree dunali, boschi e radure.

E sempre tra le foglie si celano le bellezze del Parco Naturale di Montioni e della foresta di Poggio Neri. Tra le colline dell’entroterra ricoperte da lecci, castagni e querce, sono molti i percorsi di trekking effettuabili a piedi, a cavallo o in mountain-bike. Erano le zone dei carbonai e dei boscaioli, uomini d’altri tempi che il bosco lo vivevano nella quotidianità e da esso erano in grado di ricavarne i preziosi frutti.

Dalla terra al suo cuore nascosto: nasce così il Parco Archeominerario di San Silvestro, alle porte del comune di Campiglia Marittima, un’area di 450 ettari visitabile attraverso percorsi segnati, gallerie minerarie e un vero borgo medievale fondato circa mille anni fa dai minatori, fino al cuore della terra nelle miniere del Temperino da cui si estraevano minerali ricchi di zolfo, rame, piombo, argento e ferro. Correndo sempre di più indietro nel tempo, tra le alture del promontorio di Piombino, il parco archeologico di Baratti e Populonia conserva i resti dell’omonima città che fu prima etrusca e poi romana. Infine, tre musei che conservano le tracce della cultura locale, da quella etrusca del Museo archeologico del territorio di Populonia a quella medievale dei musei del Castello e delle ceramiche medievali di Piombino e della Rocca di Campiglia.

Una settimana outdoor in Val di Cornia è sinonimo di un’esperienza a stretto contatto con la natura e il territorio, arricchita dal fascino delle terre toscane e colorata da tutta la varietà di ambienti naturali che questo angolo di Toscana può regalare al visitatore attento e curioso. La nostra proposta di viaggio prevede l'utilizzo dell'auto per raggiungere il punto di partenza di ogni escursione giornaliera.

Info su orari e tariffe: parchivaldicornia.it

directions_walka piedi 48 KM
Durata: 6 giorni
Potrebbe interessarti
trip_origin Etruschi
Altre proposte
close
Registrati alla newsletter
Un concentrato di segreti, eventi, curiosità e novità direttamente nella tua casella di posta