fb track
Cerca
close
Castellina in Chianti
Castellina in Chianti
Dolci colline del Chianti tra le quali scoprire le antiche tracce degli Etruschi

Castellina in Chianti, poggiata su un delicato giaciglio di colli, accoglie con la dolcezza dei panorami chiantigiani. Il paese attende di rivelarsi al viaggiatore con una serie di palazzi patrizi, nati dalla ristrutturazione di precedenti presidi militari, edificati prima dai sodali dei conti Guidi, che dalla Garfagnana d’origine si spinsero fin nel cuore di Toscana tentando di controllarla per via diplomatica, e successivamente dai fiorentini. Il cuore dell’abitato è costituito dall’antica Rocca, progettata nella seconda metà del Quattrocento da Giuliano da Sangallo. Passeggiando per via Ferruccio è possibile respirare un po’ dell’antica aura di Castellina. Ed è proprio al termine di questa strada che si trova la chiesa di San Salvatore, ricostruita in stile neoromanico in seguito alla distruzione avvenuta durante la Seconda Guerra Mondiale.

Cosa vedere a Castellina in Chianti

Castellina in Chianti si estende in un territorio ricco di terreni boschivi e fauna selvatica, ma soprattutto disseminato di resti della civiltà etrusca: dai numerosi reperti rinvenuti nell’area si attesta infatti la presenza dell’uomo fin dal VII secolo a.C., quando questa zona era uno dei punti di collegamento tra i centri etruschi marittimi (Vulci, Vetulonia e Roselle) e quelli settentrionali, oltre che verso i porti dell’Adriatico che collegavano la penisola all’Oriente.

Fra le più importanti testimonianze è da segnalare il Tumulo di Montecalvario, appena fuori del paese. Formato da quattro tombe orientate ai punti cardinali, il tumulo è conosciuto già dal XVI secolo e di conseguenza ha visto disperdere quasi tutto il suo corredo, depredato negli anni. Sono comunque state riportate alla luce, nel 1915, decorazioni in ferro e bronzo appartenenti ad un carro da guerra. 

Più a nord, verso San Donato in Poggio, è ancora visibile l’antica acropoli che possiede un pozzo ancora funzionante. È stata poi localizzata una piccola necropoli nei pressi di Poggino, che conservava arredi funebri e oggetti del VI secolo a.C.
Numerosi reperti sono conservati nell’Antiquarium, all’interno della cinquecentesca Rocca Comunale di Montecalvario. Sembra che l’area, occupata in seguito anche dai Romani, sia stata abbandonata nel I secolo a.C. in seguito a un devastante incendio.

Interessante infine è la Pieve di Sant'Agnese in Chianti - nell’omonima riserva naturale - in gran parte ricostruita a seguito dei danni subiti durante la Seconda Guerra Mondiale. Dell’edificio medievale rimane la base del possente campanile (che in origine, con molta probabilità, serviva come torre di difesa); all’interno si trova un’opera di Bicci di Lorenzo raffigurante una Madonna con Bambino e Santi.

Nei dintorni

Castellina si trova nel paesaggio da cartolina del Chianti, conosciuto in tutto il mondo grazie alle sue verdissime colline e al suo vino prelibato. Percorrendo la Chiantigiana, ovvero la strada che da Firenze porta a Siena, si incontrano numerosi agriturismi e aziende agricole che invogliano a fermarsi e a gustarsi il panorama in totale relax. 

Uno dei paesi più amati della zona è Greve in Chianti con la sua caratteristica piazza circondata da portici.
A pochi chilometri dal cuore pulsante della cittadina si raggiunge Montefioralle, un castello medievale dal fascino irresistibile, ideale per una passeggiata romantica o per chi ama perdersi per i vicoli antichi.

Se invece il vostro sogno è perdervi in un mare di vigne, potete dirigervi verso Radda in Chianti e visitare fortezze e fortificazioni di altri tempi.
Da non perdere, infine, è il Chianti Sculpture Park: un’area ricca di creazioni e installazioni artistiche che ben si sposano con il paesaggio circostante.

Eventi

Nel periodo estivo a Castellina in Chianti si tiene, come in altre località toscane, Calici di Stelle: intorno al 10 agosto, in occasione della Notte di San Lorenzo, le degustazioni enogastronomiche accompagnano momenti di osservazione del cielo; le strade del paese ospitano mercatini, concerti ed eventi collaterali e il Museo Archeologico del Chianti Senese accoglie eccezionalmente il pubblico in orario serale.

Ad agosto si festeggia anche la Fiera del Cocomero, una sagra dalle origini contadine che si svolgeva a Castellina già nel dopoguerra.

Piatti e prodotti tipici

Il Chianti, si sa, è sinonimo di buon vino, sia per il Chianti DOCG che per il Chianti Classico DOCG. Ancora oggi, infatti, una sosta a Castellina non può prescindere da una visita ad alcune delle numerose enoteche o cantine di zona per una degustazione di vini. Spesso queste prelibatezze vengono accompagnate da un bel tagliere di salumi di Cinta Senese. Nel Chianti si produce anche l’avvolgente olio extravergine di oliva Chianti Classico DOP, capace di insaporire tutti i piatti tipici della tradizione, come la ribollita o la trippa.

Nelle vicinanze Scopri eventi, esperienze, alloggi e ristoranti nei dintorni
museo-archeologico-chianti-senese Musei Il Museo Archeologico del Chianti Senese
La pieve di Sant'Agnese e i caratteristici cipressi Elementi naturalistici Riserva Naturale Senese Bosco di Sant’Agnese
Cosa fare
Castellina in Chianti - Dagli etruschi al gallo nero in un “paradiso limitrofo Leggi la storia di Castellina in Chianti su Cover TOB
SOCIAL & WEB
Instagram photo
close
Registrati alla newsletter
Un concentrato di segreti, eventi, curiosità e novità direttamente nella tua casella di posta