fb track
Cerca
close
Photo ©Via della Lana e della Seta
Altipiani pratesi
In cammino lungo la Via della lana e della seta
Un antico percorso che collega le città di Prato e Bologna

La via della lana e della seta è un itinerario di circa 130 Km che parte da Piazza Duomo a Prato e arriva in Piazza Maggiore a Bologna: due città che hanno costruito il proprio sviluppo economico attorno ai rispettivi fiumi, attraverso opere idrauliche simili e coeve, e che, nel corso dei secoli, si sono affermate come capitali dell'industria tessile.

Grazie a un percorso trekking, realizzabile in 6 o più giorni, si potranno scoprire le eccellenze, le tradizioni e il patrimonio culturale del territorio a cavallo tra Toscana ed Emilia Romagna.

directions_walk 130 km
Durata: 6 giorni
Il percorso
Il Cavalciotto di Prato- Credit:  Via della Lana e della Seta

Il percorso attraversa borghi, cime e vallate congiungendo due centri storici di grande valore, cresciuti nei secoli grazie alla sapiente gestione delle acque: Bologna, la città della Chiusa e dei canali, per secoli capitale della seta; e Prato, la città del Cavalciotto, delle gore e delle gualchiere, capitale del distretto della lana e del tessile.

Ecco un po' di spunti su cose da non perdere lungo il percorso nell'area pratese:

  • gli impianti idraulici del Cavalciotto e il "Gorone" di Santa Lucia lungo il fiume Bisenzio sul quale si sta sviluppando il progetto "Riversibility – il parco fluviale del Bisenzio", che mira a recuperare il legame città-fiume promuovendo il benessere urbano;
  • il massiccio della Calvana dove, sui prati della Retaia pascolano esemplari di razza bovina "Calvana", e poco oltre, su Poggio Corolla si possono incontrare cavalli alla stato brado;
  • la Badia di San Salvatore a Vaiano un gioiello architettonico che conserva antiche vasche della gualchiera e sepolture longobarde
  • la Badia di Montepiano costruita alla fine dell'anno mille nei pressi del romitorio del beato Pietro e il Parco Memoriale della linea Gotica

Nel versante emiliano, i maggiori punti di interesse sono l'area collinare e i castagneti di Storaia e Rasora, il lembo orientale del Parco regionale dei Laghi di Suviana e Brasimone; il cuore antico di Castiglione e i boschi di Camugnano e Monte Vigese; i morandiani fienili di Campiano e le memorie del Parco storico di Monte Sole, Colle Armeno e Palazzo dei Rossi, la Chiusa e il Canale del Reno.

A Bologna, la Chiusa di Casalecchio e il Canale del Reno portavano in città le acque utilizzate come forza motrice per muovere opifici idraulici, mulini e gualchiere per produrre quei tessuti, rispettivamente la lana e la seta, che hanno reso famosi nel mondo i distretti tessili di Prato e Bologna.

Le tappe
La piccola frazione di Valibona, meta del Sentiero della Pace- Credit:  Lmagnolfi - Own work, CC BY-SA 4.0
  • Prima tappa: Prato - Valibona - Vaiano
  • Seconda tappa: Vaiano - Montecuccoli - Vernio
  • Terza tappa: Vernio - Montepiano - Castiglione dei Pepoli
  • Quarta tappa: Castiglione dei Pepoli - Grizzana Morandi
  • Quinta tappa: Grizzana Morandi - Sasso Marconi
  • Sesta tappa: Sasso Marconi - Bologna

Info: viadellalanaedellaseta.com

Potrebbe interessarti
Arte e Cultura
close
Registrati alla newsletter
Un concentrato di segreti, eventi, curiosità e novità direttamente nella tua casella di posta